InterNapoli.it
sabato 20 gennaio 2018
AVVISO
Dal 1 ottobre 2015 questa versione si trasferisce al seguente indirizzo: wap.internapoli.it
Passa alla nuova versione del sito
IL RETROSCENA
Latitante dei Ranucci arrestato a Formia, Ronga è in Rianimazione: il ras è piantonato in ospedale
 
Ascolta  NUOVA FUNZIONALITA' HTML5
Condividi con Facebook
Commenta la notizia
(0)
SANT'ANTIMO. È ricoverato nel reparto di Rianimazione dell'ospedale Dono Svizzero di Formia, il 41enne reggente del clan Ranucci di Sant'Antimo Filippo Ronga catturato dopo una sparatoria avvenuta ieri sera in località Castellone nel comune del Basso Lazio. Le sue condizioni restano stabili, dopo l'intervento chirurgico al quale è stato sottoposto nella notte, essendo stato ferito al torace destro ed alla gamba nel corso dell'intervento 'firmato' dai carabinieri della compagnia di Giugliano (diretti dal capitano Antonio De Lise).

Quello di Ronga è un profilo di altissimo spessore criminale: considerato a capo di una delle fazioni che in questi mesi si stanno affrontando nell'area a nord di Napoli, Ronga era ricercato dal 2013, da quando nei suoi confronti fu emessa un'ordinanza di custodia cautelare dal tribunale di Napoli. Nei suoi confronti inoltre sussiste un ordine di carcerazione emesso dalla procura della Repubblica presso il tribunale di Avellino per la pena di 4 anni di reclusione per tentata rapina aggravata e concorso in porto abusivo di armi. Ronga è innanzitutto considerato l'ispiratore della faida che sta dilaniando Sant'Antimo. La sua voglia di conquistare il potere dopo il vuoto lasciato in seguito agli arresti di boss e gregari del clan Puca ha scatenato, secondo gli inquirenti, le fibrillazioni sul territorio. E in effetti l'ala Ronga dei Ranucci si era armata, forse per difendersi dopo i raid intimidatori degli ultimi tempi. In manette nell'agosto dello scorso anno finirono tre persone tutte imparentate con Filippo Ronga. Tutto nacquea un posto di blocco forzato da parte di due persone legate al ras. I due infatti erano in sella a una potente Suzuki lungo via Primavera, quando non si fermarono all’alt imposto dai carabinieri della locale tenenza. Ne scaturì un inseguimento che vide i carabinieri bloccare i due dopo poco. Sottoposti a perquisizione, nel marsupio di uno dei due fu trovata una pistola scenica senza tappo rosso con una cartuccia calibro 9 inserita nel caricatore.


Stefano Di Bitonto

questo articolo è stato letto 2.871 volte
Visualizza l'articolo nella versione standard
Lista degli ultimi 50 articoli
Vai alla Prima pagina
powered by CreaSoftware