InterNapoli.it
mercoledì 21 febbraio 2018
AVVISO
Dal 1 ottobre 2015 questa versione si trasferisce al seguente indirizzo: wap.internapoli.it
Passa alla nuova versione del sito
IL RETROSCENA
Spari nel bunker del clan a Napoli, una telefonata anonima ha allertato la polizia
 
Ascolta  NUOVA FUNZIONALITA' HTML5
Condividi con Facebook
Commenta la notizia
(0)
NAPOLI. E' stata una telefonata anonima a dare l'allarme. Segnalati spari in via Mastellone a Barra, 'feudo' degli Aprea-Cuccaro, il clan che da queste parti ha sempre fatto il bello e cattivo tempo. Sul posto sono arrivati glia genti della polizia di Stato e in molti hanno segnalato glispari. Ma dalle verifiche non sono arrivate tracce utili. Eppure i colpi, almeno venti, sono stati sentiti dai residenti del posto. Peccato che sulla strada non sia stato trovato nemmeno un bossolo. Via Mastellone una zona al confine tra Ponticelli e Barra ed considerata il feudo del clan Aprea-Cuccaro che da tempo ha spodestato dal controllo delle piazze di spaccio quel che resta del clan De Micco.

I 'Bodo', ormai considerati in ritirata, possono contare su un nocciolo duro di fedelissimi che in queste settimane starebbero riorganizzandosi specialmente contro la 'mini federazione' costituita dai Minichini-Schisa del lotto 0. Stando al resoconto fornito dagli inquirenti una telefonata anonima ha allertato la polizia parlando di due uomini in sella ad un potente scooter, armati di tutto punto,che hanno imboccato via Mastellone, provenendo dal lato di Ponticelli, ne hanno per-corso qualche metro e poi han-no fatto fuoco. Pi volte, mirando verso i palazzoni popolari dove abitano i ras della ca-morra del clan Aprea-Cuccaro, boss indiscussi della zona..


Saverio di Donato

questo articolo stato letto 1.354 volte
Visualizza l'articolo nella versione standard
Lista degli ultimi 50 articoli
Vai alla Prima pagina
powered by CreaSoftware